01/03/2015 Il gigione riesiliato

 

La promessa di restaurare il primigenio ristorante Tinti che diede i natali alla Classica dur l'illusione di un estate. D'inverno a Prunetta gi bastevole un Rustichello per sfamare i domenicali autoctoni che incredibilmente pranzano senza pedalare, e l'ingaggio del mago Tinti come ospite d'onore pranzante e gigioneggiante ha reso possibile come l'anno scorso il compimento della prima prova di calendario, evitando pericolose innovazioni ed eterodossie.

Cos Caparrini, supremo custode dell'ortodossia e del conformismo, riuscito a rispettare l'aurea regola dell'invarianza tintica anche con l'apparente e reiterata violazione dell'unit di luogo. E cos lo scrivente potr iniziare copiando l'immutabile incipit che da ventidue anni recita: "Classica Tintis est omnis divisa in partes tres: anabasi, panem et circenses, catabasi." Ed ogni parte non fruibile separatamente senza pubblica onta.

Questo comma ci porta inevitabilmente al doloroso capitolo dei riduzionisti che ogni anno affollano la linea di partenza con la convinzione che l'anabasi del Goraiolo possa fungere da lecita sineddoche della Classica. Convinzione che deriva dalla tradizionale indulgenza di Caparrini che ha sempre elencato in una colonna infame anche coloro che tornavano indietro per scansare scientificamente l'eroica fatica del ristorante.

Sennonch il presidente, forse per oggettivi limiti computazionali o forse per incentivo estremo all'antiquato integralismo, ha voluto premettere due innovative disposizioni: la citazione nell'Annuario sar riservata solo a coloro che avranno completato il percorso in omnes partes tres; l'attesa umanitaria a Goraiolo sar garantita solo fino all'ultimo di tali probandi. Ergo, le dichiarazioni d'intenti dovranno essere esplicite e preventive per non rischiare che volenterosi ma lenti siamo abbandonati ai propri destini.

Ecco che dall'incommensurabile gruppo s'alzano mani anche impreviste a suggellare l'adesione incondizionata al Rustichello che Caparrini annota con sollievo, nel rispetto della sua minimale prenotazione di sedie. Se storiche e irrinunciabili sono le mani di Bertelli, Chiarugi e Nucci Ro, se recidivante quella di Pisaturo, svettano ben quattro nuove iscrizioni al panem tinticum: predestinate per influenza parentale e affettiva quelle di Maltana e Nucci Ri, insospettata quella dell'asociale ma ultimamente assiduo Mannucci, e apparentemente provocatoria quella del redivivo Martini che per ideologica avversione alle soste era riuscito otto anni fa a espletare una Classica Tinti senza Tinti.

La prima delle disposizioni draconiane non si applica per a questa cronaca che non si pu sostentare coi soli accadimenti gastronomici e ludici, e deve appellarsi a quel minimo d'agonismo che traspare dall'anabasi ove i molti riduzionisti e i pochi integralisti erano mescolati in un'ambita comunione d'intenti: staccare Boldrini. La presenza del transgenico motivo d'orgoglio e di vitalit per la tediosa salita e il desiderio di lasciarselo alle spalle confessato per alcuni e inconfessato per molti. Tanto che pure la frode non disdegnata: Cianetti, Cordero e Scardigli I nemmeno aspettano il segnale presidenziale d'inizio scalata, anticipando la foga boldriniana e mal celando il desiderio molto pi inconfessabile di staccare anche Nozzoli, considerato hors categorie dai pi avveduti commentatori. Egli infatti non smentisce indole e pronostici, e dopo pochi metri in comune si dilegua verso un solingo e sbrigativo Goraiolo, castigando con fulminei sorpassi i reprobi anticipatori. Boldrini che si schermisce ma che in cuor suo vorrebbe inseguirlo, tenta un abbozzo di emulazione che lo porta al sorpasso dell'inane Scardigli I ma che gli conferisce anche l'inamovibile strascico di  Chiarugi, Nucci e Pisaturo adesi alla sua ruota. Perch chi non si fa staccare da un Boldrini non staccabile ambisce pur sempre a felicit surrogata.

E questo il sugo di tutta l'anabasi che con paziente filtro a Goraiolo seleziona i nove eletti al soglio tintico da una pletora di dozzinali ciclisti, scalatori mercenari o puri figmenti (qualcuno giura di avere visto in salita l'esplosivo Maltinti o addirittura l'estinto Mirmina) che mai saranno ricordati. Il desco del Rustichello invece memore di antiche tradizioni: panni ciclistici maleodoranti disseminati su sedie e caloriferi, Tinti pontificante a capotavola e vassoi accuratamente nettati dagli originali contenuti alimentari. Dopo l'acquisizione del gastrociclista Pisaturo, un forte alleato nello smaltimento delle scorie caloriche si dimostrato il colosso Mannucci che ha compensato il clima di generale inappetenza forse dovuto alla morigeratezza delle femmine, alla convalescenza di Nucci Ri, all'incorruttibilit di Martini o alle distrazione di Caparrini, spesso occupato a fronteggiare un Tinti particolarmente loquace ma inizialmente poco produttivo.

Richiamato dalla platea ai suoi doveri circensi, Tinti ha cominciato con l'occultamento di un fazzoletto verde e dopo svogliate manipolazioni ha preso Mannucci come ciclista espiatorio. Sottoposto a un esercizio di psicocinesi con un ventaglio di dieci carte, il neofita, emotivamente confuso dal magnetismo del gigione, ha pensato erroneamente di pensare un asso di mattoni mentre Tinti estraeva dal mazzo quel due di fiori che avrebbe dovuto correttamente pensare. Cos gli astanti, dopo un attimo di smarrimento teologico e confortati anche dalla prova fotografica, non si sono dovuti ricredere sul dogma dell'infallibilit tintica.

La catabasi comincia dopo che la bionda dapifera ha soddisfatto anche come fotografa la famelica clientela. L'aria plumbea e refrigerante non sembra consolare le replete viscere. I quattro catecumeni aspettano con ansia il completamento del rito battesimale. Si sono documentati sui fenomeni di paralisi criogenica o di reflusso esofageo descritti durante la discesa delle Piastre o la risalita di San Baronto ma col passare dei chilometri nessuno dichiara di accusare complicanze. Nemmeno una pioggerella fine e insistente che arriva sulla temuta curva di Mamma Ebe riesce a turbare i processi digestivi. Pisaturo si conferma il miglior scalatore postprandiale e Mannucci ne degno rivale, Nucci Ri sopravvive alla botta e Martini alla vergogna, Nucci Ro s'esibisce e Chiarugi s'inibisce, la Bertelli canta e la Maltana decanta, e infine Caparrini col suo abitino primaverile e il suo cappellino scaramantico induce la pioggerella a placarsi. Sic transit gloria Tintis.

 

 

 

Fototinti 2015

 

Partenza

Boldrini e Nozzoli di schiena g in posizione di sparo.

Partenza ufficiale.

Da notare accanto al gaio Menichetti e al colosso Mannucci un Pelagotti col numero attaccato.

 

Goraiolo

Nozzoli, dopo che era gi salito risceso e risalito, occulta l'arrivo dell'esploso Scardigli I.

Processo all'anabasi fra Boldrini e Pisaturo.
Chiarugi autoreferenziale.
L'arrivo di Nucci allo specchio.
Ciampalini e Garosi riduzionisti delusi.
Caparrini soddisfatto del responso cronometrico.
L'arrivo di Maltana decreta la scissione fra integralisti e riduzionisti.
Rustichello

La medesima riscaldata e rimutata. Sullo sfondo Nucci e Mannucci presso la stufa.

Panem

Silenzio e concentrazione.

Poi il vino cala e l'allegrezza sale.
Circenses

Tinti che fa sparire il fazzoletto verde.

La prova che Mannucci ha pensato erroneamente l'asso di mattoni in settima posizione invece del due di fiori in quinta.