Bacheca dei racconti 2000-2001

26/11/2000  "Ma odo parole più nuove che parlano gocciole e foglie lontane". Il pianto del ciel cinerino inibisce l'Empolitour (ma si dice che qualcuno abbia pedalato lo stesso).

03/12/2000  "Or s'ode su tutta la fronda crosciare l'argentea pioggia che monda". Stessa poesia, stessa musica sulle strade dell'Empolitour ma c'è chi continua a pedalare. Leggete il racconto entrando dalla nube. Dedicato ai puristi che considerano la mountain bike una parente degenere della bici da corsa.

10/12/2000 Tornano le ruote sottili a solcare le madide strade di duro asfalto nell'enclave germanica di Sughera-Tonda-Iano.
17/12/2000 S.Gimignano piazza della cisterna. Epilogo dell'avventura tragicomica del ciclista interruptus.

23-26/12/2000  Per apprezzare lo spirito natalizio bisogna ritornare bambini. Perciò l'anonimo narratore questa volta ha scritto una favola in cui la realtà dei fatti è soltanto un po' trasfigurata. Ogni riferimento a personaggi realmente esistenti non è puramente casuale ma comunque sempre bonariamente scherzoso.

31/12/2000-01/01/2001 I ciclisti dell'Empolitour sono ancora personaggi fiabeschi che pedalano alla ricerca della montagna del tempo nella favola di Capodanno.

06-07/01/2001 Non poteva mancare la favola dell'Epifania a  concludere questo  trittico narrativo di stampo festoso. Siccome nell'Empolitour c'è la tendenza a spianare i percorsi ed allungare le soste, l'autore ha soltanto leggermente fantasticato sul tema.

14/01/2001 "How many roads must a man walk down before you call him a man?"  Quante strade deve percorrere un ciclista perché tu lo chiami ciclista? "The answer, my friend, is blowing in the wind, the answer is blowing in the wind".
21/01/2001 Dopo Stelvio, Gavia, Mortirolo,  Fedaia, Galibier, Izoard , Iseran, Tourmalet... l'Empolitour conquista anche la piazza del mercato di Lucca.

04/02/2001 Perché si dice stare a ruota?

11/02/2001 Torna a sorpresa il monte Serra che ammalia l'Empolitour come le sirene d'Ulisse.

18/02/2001  "così tra questa immensità s'annega il pensier mio: e il naufragar m'è dolce in questo mare" di colline.

04/03/2001

All'ombra dei cipressi e dentro l'urne confortate di pioggia è forse il sonno della salita men duro?

11/03/2001

Montefioralle, tanto salì che scese. L'Empolitour lo guarda e passa ma ragiona di lui.

 

18/03/2001

a colpi di pedale e di mandibola l'Empolitour fa breccia nelle mura turrite di Monteriggioni.

 

 

25/03/2001

il giorno di 23 ore. L'impatto dell'ora legale sull'Empolitour che pedala a Casore in formazione rimaneggiata.

 

01/04/2001

Vellano capoluogo della Svizzera Pesciatina. Toccata e fuga.

 

16/04/2001

Vallombrosa, l'abbazia dei destini che si biforcano. L'Empolitour parte in 7 e torna in 3+1+3.

 

22/04/2001

Sul monte Serra tutte le stagioni dell'anno convergono in una sola salita. L'evoluzione del concetto di lentezza.

 

25/04/2001

L'Empolitour arriva sull'altopiano delle Pizzorne passando da Pariana dove si trova questa famosa torre. Si svela l'esistenza di un mondo parallelo e di un'identità segreta del narratore.

 

29/04/2001

Onore ai vinti. Boldrini sulla salita di Avaglio abbandona per un giorno la mostruosità che lo contraddistingue.

Una crisi può umanizzare anche un ciclista transgenico.

 

 

01/05/2001

Il Serra non è mai troppo. Torna dalla parte più dura fra pensieri, parole, opere e omissioni. Divagazioni sul rapporto fra labbra e bicicletta.

06/05/2001

Salta il Fossato ed ecco ancora il Serra di riserva, quasi a tradimento. Occasione per alcune reminiscenze acquatiche.

13/05/2001

Nella classica del Fossato l'Empolitour celebra le gesta di Boretti, l'uomo di polso.

 

pizzornegraf.gif (8095 byte)20/05/2001

Salite a confronto.

Meglio le Pizzorne o il Fossato? In attesa di un sondaggio telefonico l'Empolitour giudica col metro delle gambe, sette paia uno più brutto dell'altro.fossato.gif (10793 byte)

27/05/2001

Il primo sorso di Giro non è come quello di birra, anzi è piuttosto assetante.

Grecismi o latinismi? La carovana pubblicitaria è orchidoclastica o testifraga?

La semantica di portare il casco.

 

10/06/2001

L'Empolitour a San Mommé (o San Mommè, o Sammommé o Sammommè). I retroscena di una tranquilla tappa da dopogiro.

24/06/2001

Dalle Alpi alle piramidi.

Nella foto il passo dell'Abetone com'era ai tempi della prima Gran Fondo dell'Empolitour.

Catene che s'infrangono come cuori. Catene non ha il podista è uno zingaro e va.

 

01/07/2001

Paese mio che stai sulla collina, disteso come un vecchio addormentato. La noia, l'abbandono il niente son la tua malattia. Paese mio ti lascio, io vado via.

L'Empolitour salva Pontito dall'estinzione.

08/07/2001

Filo diretto fra i ripetitori del Serra e le piramidi dell'Abetone. Un incontro a distanza fra solitudine e moltitudine.

15/07/2001

Nuova ipotesi sulla natura di Boldrini. Potrebbe non essere un ciclista transgenico ma semplicemente un extraterrestre.

 

02/09/2001

Il primo giorno di scuola dopo un mese di vacatio velocipedis è una lectio brevis sed vehemens.

 

09/09/2001

Boldrini meglio di uno scudo spaziale. Prima di lasciare il regno dei celibi ci fa capire quanto ci mancherà la sua deterrenza.

 

16/09/2001

Mezza Empolitour boicotta un poetico tratto di sterrato. Così il narrator furioso e frustrato perde il senno, proclama un giorno di sciopero della prosa e  scrive in versi per rivendicare la lirica perduta.

 

EROICA1.JPG (164420 byte)30/09/2001

A "L'Eroica" mancava solo Noè. L'Empolitour affonda. La confessione dell'unico sopravvissuto.

Dove si riesce a parlare di Boldrini anche quando è agli antipodi.

 

07/10/2001

La foto che ha fatto il giro del mondo. Boldrini mentre tuba in Nuova Zelanda al Caffé Montelupo, ignaro della congiura che lo attendeva fra i suoi colli natii.

A volte ritornano e vanno in crisi.

14/10/2001

Quando non ci sono scontri si finisce per commentare gli scontrini. Anche questo è ciclismo.

 

21/10/2001

Si aspettava il Chianti ed è arrivata l'acqua. Strane combinazioni di eventi che fanno rincontrare i quattro padri fondatori.

28/10/2001

Il tempo torna indietro. L'Empolitour non ancora. Boretti istiga, Boldrini abbocca, Pelagotti castiga.

 

01/11/2001

Caparrini come la gru di Chichibio. Una storia comica e commovente che rende incompiuto il Giro del Chianti.

 

 

04/11/2001

Finalmente il Chianti. La stagione delle Classiche si chiude con un botto. I ciclisti e la previdenza, il trasporto del casco e le spinte di Pascoli al narratore.

 

18/11/2001

Dopo la presa di Giro la vita ciclistica nell'Empolitour continua rigogliosa anche se un po' grigia. Più che le gambe fervono i programmi.

25/11/2001

L'arrivo trionfale della Bertelli in Piazza Santa Croce alla mezzamaratona di Firenze.

E pensare che era un fata ciclista ignorante di podismo.

02/12/2001

Quel ramo del Monte Serra che volge ai ciclisti una salita sobria e interrotta, si stempera di sudore, sorrisi, scorni e sorpassi.

09/12/2001

Una solare  tramontana soffia nel cuore dell'Empolitour. C'è chi la prende e chi la perde. Ciclisti e narratore chiedono ed ottengono una giornata di tregua spirituale.

16/12/2001

Seguendo le orme di un cattivo consigliere, l'Empolitour si ritrova su stradine deliranti che conducono al castelletto di Tignano.

Ma che cosa significa esattamente delirare, ed è proprio così patologico?

26/12/2001

Per onorare la tradizione natalizia,  il resoconto di una fiacca uscita fra pochi intimi è scritto in rima,  bieca imitazione metrica ispirata a La Notte Santa di Guido Gozzano, con gli eredi del quale, pubblicamente ci scusiamo.